lunedì 8 agosto 2016

E continueremo a galleggiare fra i fiordi norvegesi..

- 4 giorni alle mie vacanze. E, di conseguenza, alle vacanze di questo blog.
Inevitabile tirare un pò le somme e chiudere, come capita, tutte le canzoni sospese..
E poi come va, va...

Le novità del momento - Agosto 2016
Artisti italiani


10) Mauro Pagani - The big man Voto: 4,5. (Mi pare di avere capito che sia tipo uno storico collaboratore di Vasco. Poi ora si è messo in testa di essere internazionale. Buona fortuna. Non dico altro. Con tanto di video guerrafondaio fra l'altro. Boh.)


9) Marco Carta - Stelle Voto: 5. (Mi è capitato di vederlo dal vivo tipo due settimane fa, e di trovarlo irrimediabilmente invecchiato e vergognosamente lampadato. Ma gli Amici di Maria non dimenticano e le bambine cresciute sono ancora pronte ad acclamarlo. Io, non lo so, qualche pezzo buono lo ha realizzato, ma questa canzone è una noia tale... -Noi che in alto non guardiamo mai, alle stelle diamo un nome.. E torni a casa con la faccia sporca di costellazioni, e tutte quelle porte chiuse in faccia... Perchè anche se il cielo è buio, adesso, è uno spettacolo di stelle.-)

8) Davide Merlini - Vita imperfetta Voto: 5. (Pupillo della Ventura in quella che fu una delle edizioni meno provvide di talenti di X Factor. Non a caso costui arrivò in finale seppure sia da sempre uno di quelli con la voce "più normale". Uno stile vocale che spazia dagli anni '60 agli anni '90 sanremesi, con un'influenza ottenuta dal mondo del musical che si sente tutta. Bel viso. Terribilmente intonato. Non altro. -E anche mettendoli di fronte all'evidenza, l'arroganza negli stolti avanza orgoglio e resistenza, vedranno giorni in cui cadranno scudi, maschere e pazienza..- Ma che vor dì?? )

7) Entics - Revolucion Voto: 5,5. (Tentativo non del tutto riuscito di fare un pezzo forte per l'estate. Ma è un mondo guidato dalle case discografiche pure questo, perchè se nemmeno Jake La Furia spagnoleggiante è riuscito nell'intento, mi sa che lui ha probabilità zero. Se poi aspettava ancora un pò...)

6) Luca Napolitano - Ci whatsappiamo Voto: 6---. (Condivide il cognome con il presidente della Repubblica, ma lui è decisamente più pop. Erede pure lui della generazione di Amici, dove dovette accontentarsi del terzo posto, dietro Scanu e la Amoroso. Ricordo che però aveva un pezzo molto caruccio che ogni tanto riappare sul mio mp3. Molto estivo anche questa volta con un ritornello promettente che in un'altra vita avrebbe potuto persino essere un tormentone. Bentornato Luca. -C'è un'applicazione che piange al posto mio, ride al posto mio, respira al posto mio... fa sesso al posto mio! Vogliamo vivere la vita solo a testa in giù, ci whatsappiamo, ci prendiamo per mano ...e siamo soli con il t9 nella testa! E per un like in più facciamo festa!-)

5) Nicolo' Carnesi - Lo spazio vuoto Voto: 6. (Forse, per certi versi, è ancora troppo un artista di nicchia perchè tutti sappiate chi è, eppure non è decisamente un novellino e ha uno stile personale e un taglio cantautorale che a me non infastidisce affatto. Con qualche richiamo sfizioso allo stile di Carboni. -Ma qui non capisco la differenza fra un balcone e un trampolino... fra un politico e un cretino... fra una discarica e la spiaggia. Ma preferisco continuare a sognare, tanto il mondo resta uguale..-)

4) Pago (ft. Gipsy Gold) - El camino de l'amor Voto: 6. (Un pezzo riuscito, uno, per Pacifico Settembre gli è bastato per non essere annoverato fra i perfetti sconosciuti. Eppure da allora nessuno ha più sentito parlare di lui... e anche se lui inveisce contro le case discografiche, io resto dell'idea che ci siano molti altri artisti forse più meritevoli di lui. Ma se è il brano, come sempre, che devo giudicare, ammetto che questo ha un suo fottuto perché. Molto estivo, molto gitano, molto ritmato. Ho quasi voglia di ballare.. e un retrogusto fottuto di estate che mi tengo addosso. ) 

3) Francesco Renga - Scriverò il tuo nome Voto: 6. (Assolutamente in stile suo e terribilmente "in linea" con gli altri pezzi del suo album. Molto leggero e semplicistico, impreziosito giusto dalla sua forza vocale che, mettetela come vi pare, ma non delude mai. -Tutto rimane qui, sul filo di queste anime in disordine, e cerco di restare in equilibrio.. perchè la vita è come una vertigine, e ci fa un pò paura, ma se chiudi gli occhi tu puoi volare via... e quello che resta è soltanto una bugia.-) 


2) Grido - Gravità zero Voto: 6+. (Ex dei Gemelli Diversi. Fratello minore di J Ax a cui, oltre allo stile, ha finito per rubare persino la voce. Cioè... uguale! Eppure un attesissimo ritorno, con tanto di ritorno persino al nome d'arte che nel tempo si era "cattivizzato" diventando un inutile Weedo. Uno stile molto rap anni '90, terribilmente Articolo 31. E a quel punto come posso non schierarmi a favore? -E mi travolgi i sensi e sorprendi... tu che riesci a trovare il meglio a tutti questi difetti, e dove c'era un vuoto nel letto ora ci sei tu che mi aspetti.. di giorno battaglie infinite e poi di notte ci lecchiamo le ferite... non ti prometto che sarà una fiaba, ma ci sarò qualunque cosa accada.-)

1) Marco Mengoni - La nostra estate Voto: 6,5. (Forse si sono dimenticati di dirgli che ormai l'estate arriva a giugno, perchè fare uscire un brano che parla di estate ad agosto inoltrato è un suicidio discografico. Soprattutto perchè il brano aveva evidenti possibilità, un ritmo crescente e uno stile appagante. E dire che un anno fa con "Io ti aspetto" era riuscito a fare il botto. In ogni caso ormai Mengoni è un marchio di garanzia. -Sei tutto quello che ho, l'assenza di ogni però... Un esercito di sogni siamo io e te.. che da sempre c'è e e per sempre sarà... sei e resterai l'estate mia migliore...-)

Nessun commento:

Posta un commento