sabato 27 febbraio 2016

E come si fa? A camminare a testa alta senza il peso dell'età..

L'onda sanremese ancora lascia qualche rumore di scroscio attorno a me. Giusto che, Sia a parte, per ora Clementino e compari sembrano non avere ancora degni rivali. Chissà che marzo porti più brillanti novità. Intanto, accontentiamoci di queste..

Le canzoni del momento
Rivelazioni italiane

12) Khaled - Comunque vada Voto: 4. (Ecco, questo è il tipico esempio di un brano che non mi piace. Null'altro da dire. Se non che avete altre 11 canzoni per rifarvi. O forse no..)



11) Antonio Balistreri - Nun me veni a cerca' Voto: 4. (Scusate, non è razzismo musicale, davvero. Ma sti brani neomelodici napoletani mi paiono tutti uguali. Boh.)


10) Guido Elmi - It's a beautiful time Voto: 4. (Pare che non sia realmente un novellino e che sia un collaboratore di Vasco da tempo, non saprei dire in che formi. L'effetto finale però fa molto più negrita, e diciamo che non è che il risultato sia decisamente nelle mie corde.. che dite? Che poi sembra che dica parole in inglese a caso. Brrr..)


9) Guido Maria Grillo - Le distanze Voto: 4+. (Quasi fastidioso l'inizio che sa di lamento o di inno a Satana. Una sorta di non convincente stile Yavanna. Ma che è oggi? Boh..)

8) Joba - Sono qui per te Voto: 5. (Tale Giovanni Balduzzi, cantante trentino, o così sembra tenerci a dirci Youtube. Un pò troppo romantico, un pò troppo banale, un pò troppo quasi noioso, con acuti alla Mango che non ho mai amato nemmeno nell'originale. Niente scusate, è un limite mio, ma non ce la posso fare...)

7) Absolut ft. Gabri El - Senza noi... niente  Voto: 5. (So che dovevano partecipare a SAnremo con questo pezzo, ma forse è stato meglio così, visto il livello medio alto dei giovani di quest'anno. Per il resto sono tipo un mix fra i Club Dogo e gli Studio 3. E mi fermo qui.)


6) Rumbest - Il peso della maschera Voto: 5,5. (Decisamente sotto il livello delle mie attese. Vocalmente è "troppo normale" e anche la composizione dei testi sembra non riuscire a convincere per davvero. Seppure qualche rima riuscita gliela riconosco. Troppo approssimativo direi... -C'è che ognuno ha la sua croce.. mi innamoro in un secondo, solo della situazione.. io che parlo spesso a Dio, spero che un giorno mi dica "domani ti alzi e sarai al posto mio". Io, che voglio essere tutti, tranne che me..-


5) Massimo Priviero - Il migliore dei mondi possibili Voto: 5,5. (Un inizio di accordi che sembra rubato a Nek. E poi attacca la voce che ricorda un pò lo stile Nomadi. Un tentativo di essere rock che finisce per colorarsi di folk in pieno stile Van De Sfroos. Con venature alla Vasco Rossi. Tutto sommato orecchiabile, per quel che vale.. -Perchè c'è chi ha fame e c'è chi non lo vede? Perché non crediamo in un bene comune? Vedo gente che non ha più voce, vedo gente che grida e che dice "il migliore dei mondi possibili .. il migliore dei mondi possibili non è qua"- 'Na botta di vita insomma.)

4) Chiara Grispo & Sergio Sylvestre - Come on  Voto: 6-. (Pare che lei sia tipo una delle favorite di Amici, una giovane cantautrice che sembra fatta per la conquista del mondo intero. Però secondo me è dannatamente sopravvalutata, così come non riesce a farmi impazzire il timbro di lui. Boh. Magari è solo il pezzo a non riuscire ad arrivarmi come potrebbe. Boh.)

3) Filippo Ferrante - Un'altra corsa Voto: 6-. (Un brano che porta con sè un sound così terribilmente anni novanta. La storia di un tassista e una serie di vite che incrociano il suo destino. Niente di indimenticabile, intendiamoci, ma in mezzo alle canzoni di oggi è quasi manna. Boh.)

2) Darman - Dì Voto: 6. (Niente di indimenticabile nemmeno qui, con un tentativo non del tutto riuscito di affiancare un sound rock ad un brano orecchiabile e decisamente immediato, senza troppi sforzi nemmeno per cercare rime. Assurdo quanto basta. -Quello che mi interessa è finito, cazzo! Se non faccio qualcosa qui divento pazzo, cazzo!-)

1) Elodie Di Patrizi - Un'altra vita Voto: 7. (Che vi posso dire? Il brano era già splendido e promettente nella mani di Moro, non credo che potesse uscire sconfitto cambiando interprete. E lei riesce a dare al brano un'intensità che già sottendeva. Deciso il viso, deciso il timbro, assolutamente "fuori tempo" l'interpretazione, a metà fra Emma e la Bertè, ma con la grinta che ho sempre invidiato in entrambe. Dannatamente wow.)

Nessun commento:

Posta un commento